Is there any limit to the greatness?

E’ grazie al mio amico virtuale Massimo Baraldi, gran conoscitore di mondo, che ho potuto scoprire (e gustare con una vetta d’orgasmo) il pezzo che mi accingo a condividere.

Si parla di Robert Plant, di blues e di una comunicazione visiva tagliente più di un rasoio!

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.